Fantasy,  Libri

Recensione: Blake. Il divenire degli dei di Simone Alessi. Vertigo editore

Balke. Il divenire degli dei Book Cover Balke. Il divenire degli dei
Simone Alessi
Fantasy
Vertigo
08 marzo 2018
Copertina flessibile €. 14.02
358

Conoscerete Blake in un futuro distante centinaia di anni. È solo un ragazzo, o almeno questo è ciò che vi sembrerà al principio. La verità è che Blake è qualcosa di molto più antico e più potente di quanto la mente umana possa concepire, ma sarà soltanto il suo incontro con Luce a rivelarlo. In un tempo che ha visto susseguirsi numerose guerre mondiali, un nuovo conflitto incombe, ma questa volta le forze in campo sono ben diverse. Dal passato storico alla pura mitologia, dalla religione agli archetipi del simbolismo, Blake si troverà coinvolto in un'avventura spettacolare, affiancato da Selene, Morte, Hecate e Sam, confrontandosi con le sue stesse origini e, contemporaneamente, lottando con la propria interiorità di fronte allo strano rapporto che si formerà con Luce

L’idea di leggere un fantasy ispirato alle antiche divinità della mitologia greca mi ha incuriosito notevolmente.
L’autore ha voluto fare molto di più intrecciando religione e mito, sacro e profano, letteratura e storia, creando un mix originale ed inaspettato.
La vicenda narrata vede come protagonista un giovane adolescente, Blake, emarginato da una società ormai schiava della tecnologia, superficiale e priva di sentimenti, che si ritrova suo malgrado coinvolto in una vicenda al di sopra di qualsiasi umana comprensione.
Di punto in bianco la sua vita verrà sconvolta dalla comparsa di alcuni personaggi che lo indurranno a prendere decisioni difficili e ad affrontare la sua natura complessa ed oscura, affrontando tematiche altrettanto delicate e spinose.

“Non è una forma a cambiare il mondo, ma la sostanza che hai dentro. Quando ti amerai per ciò che sei, amerai gli altri per ciò che sono, ricordatelo sempre”

Ho apprezzato la creatività dell’autore che ha saputo ricreare un viaggio chimerico che mi ha fatto pensare alle vicende del nostro Dante nella sua Divina Commedia.
La forma però lascia molto a desiderare. Nella descrizione del protagonista spesso si resta disorientati, non trovando corrispondenza fra il modo in cui gli si rivolgono gli altri personaggi e la forma assunta in quel momento dallo stesso. Si nota la mancanza dell’utilizzo del congiuntivo; alcuni termini vengono utilizzati impropriamente; spesso nei dialoghi si passa dal lei al tu come se nulla fosse. La punteggiatura risulta mancante, soprattutto nei dialoghi, non riuscendo a cogliere al volo quando lo stesso è terminato. Il che fa presumere che l’intero romanzo non sia stato editato.
I dialoghi appaiono banali e gli eventi narrati troppo precipitosi.
Per quel che riguarda i personaggi, manca l’introspezione psicologica. Pertanto non si comprendono le scelte compiute dagli stessi e si rimane perplessi di fronte al cambio repentino di sentimenti da una pagina all’altra.
Personalmente trovo che il tema dell’incesto sia stato trattato con estrema superficialità, facendolo apparire come una forzatura nella narrazione degli eventi senza un nesso logico che ne giustifichi l’esistenza.

L’epilogo, alquanto criptico, lascia presagire che il romanzo avrà un seguito.

Simone Alessi

Simone Alessi nasce nel 1985 a Urbino, dove inizia la sua formazione artistica frequentando l’istituto d’Arte “Scuola del Libro” con particolare predilezione per le tecniche incisorie. Successivamente si trasferisce a Bologna dove frequenta l’Accademia di Belle Arti laureandosi a pieni voti nel corso di Scenografia, Progettazione spazi espositivi e Territorio. Lavora da diversi anni nel campo della grafica pubblicitaria e della grafica multimediale. Si dedica, per passione, all’arte, alla scrittura e alla ricerca storica di credenze e rituali della tradizione stregonesca italiana.

 

Lettrice compulsiva, adoro le lunghe passeggiate immersa nella natura, contemplare il mare della mia adorata città e giocare con I miei figli. Il genere che più mi si addice è il distopico, adoro I fantasy, divoro I thriller e, come contorno, non disdegno I romance che si fanno notare. Da circa un anno condivido la mia passione per la lettura con questo brillante gruppo di blogger, contribuendo alla stesura di recensioni che auspico possano aiutare altri lettori a scegliere con accuratezza il loro prossimo indimenticabile romanzo!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: