Baby.Love Book Cover Baby.Love
Baby
Audrey Carlan
Romanzo rosa
Newton Compton
23 luglio 2020
Cartaceo e eBook
144

Dall'autrice della serie bestseller Calendar Girl

Shane non ha mai dovuto faticare troppo per conquistare una donna. Per lui, ex soldato, membro del club di motociclisti Hero’s Pride e padre single della piccola Shayna, fare colpo è sempre stato un gioco da ragazzi.

Finché non ha incontrato Anya e i suoi occhi azzurri velati di tristezza. Shane ha scoperto a sue spese che Anya non è il genere di ragazza che si lascia abbordare con qualche battutina scontata, ma lui ha un asso nella manica: sua figlia. Anya infatti è la maestra di danza di Shayna, e la bambina ha una vera e propria adorazione per lei. Shane sa perfettamente cosa deve fare: dovrà sfruttare l’ammirazione della piccola per far breccia nel cuore di Anya. Poco onorevole, come strategia? Può darsi. Ma ne vale la pena, perché, dopo aver girato il mondo in lungo e in largo (in sella alla moto o servendo il suo Paese), è la prima volta che Shane incontra una donna capace di conquistare la sua anima.

 


“Silenzio.
Tutto intorno a me aveva smesso di esistere.

Gli elicotteri vicini… spariti.
Gli uomini che ridevano e facevano baldoria, aspettando il loro turno per telefonare… spariti.
La mia vita come la conoscevo… sparita.
Deglutii e feci un lungo sospiro. «Mi state dicendo che sono il padre di una neonata di una settimana, e sono bloccato in un deserto lontano mezzo mondo?”

Una storia d’amore particolare, forse troppo veloce. Credo nel colpo di fulmine ma in questo caso si è passati da essere due sconosciuti a diventare una coppia affiatata pronta a tutto per stare con la propria metà.

La trama è scontata, anche se non mancano alcuni colpi di scena, purtroppo poco sviluppati, che la rendono movimentata.

I due protagonisti danno inizialmente l’impressione di essere adulti, diciamo intorno alla trentina, ma ben presto scopriamo essere più giovani.

Shane, bello, maledetto e soprattutto membro di un gruppo di bikers. Anya, una dolcissima ragazza, timida e con poca esperienza del mondo maschile.

“La sua lingua entrò in profondità, e bevve da me, le nostre lingue combatterono, pressando le labbra, e ci mordicchiammo coi denti finché non sentimmo altro che rumore bianco intorno a noi… e ci fummo solo noi.
La sua bocca sulla mia.

La sua lingua sulla mia.
Il suo corpo incollato al mio.”


A fare da corollario troviamo numerosi “fratelli” motociclisti, nerboruti, barbuti e molto “macho” ma pronti a sciogliersi davanti alla dolcezza di Shayna, figlia di Shane.

Attraverso l’utilizzo di scene “forti”, sia per le scene hot che per alcuni riti dei bikers, assistiamo alla nascita improvvisa di una passione tra due persone che a primo acchito sembrano essere totalmente agli opposti.

La scrittura è fluida, leggera e grazie  all’uso sapiente di vocaboli d’effetto ti senti trascinare nel particolare universo delle due ruote.

L’utilizzo del doppio POV ci permette di conoscere istante dopo istante i sentimenti e i pensieri che attraversano cuore e mente di Shane e Anya.

Un romanzo fresco, leggero e non impegnativo che promette al lettore un pomeriggio di relax.

“Decisi allora di essere libera.
Libera di essere me stessa.

Libera di baciarlo quando lo desideravo.
Libera di abbracciarlo come volevo.

Libera di amarlo a modo mio… e quindi… libera di amare me stessa come lui amava me.

 

Audrey Carlan è un’autrice di bestseller internazionali, al primo posto nella classifica del «New York Times». Le sue storie ricche di passione sono state tradotte in più di 30 lingue in tutto il mondo. Vive in California con i suoi due figli e l’amore della sua vita. Quando non scrive, insegna yoga, degusta vini o è impegnata a leggere. La Newton Compton ha pubblicato la serie Trinity e i primi episodi della serie Baby: Girl e Love.

Scritto da:

Cristina Marangio

I molteplici impegni famigliari (ho due figli stupendi oltre ad un marito e a un cane) mi hanno sottratto per un lungo periodo ad una delle mie più grandi passioni: la lettura (oltre alla pallacanestro -amore questo condiviso con mio marito, allenatore, e mio figlio, arbitro, che ci ha portato a creare una nostra società dove ricopro il ruolo di presidente). Ora complice un infortunio che mi costringe a diradare i miei impegni fuori casa (non posso guidare) sono “finalmente” riuscita a riprendere un libro in mano! Il fato, insieme ad un post di Kiky (co-fondatrice de “La bottega dei libri” che conosco da oltre 20 anni) pubblicato su Facebook han fatto sì che nascesse la mia collaborazione con “La bottega”, collaborazione che quotidianamente mi riempie di soddisfazione.