Libri,  Narrativa,  Recensioni,  Thriller

Recensione: “Aurora. Le lacrime di Cala Luna” di Valeria Papa, WritersEditor

Aurora. Le lacrime di Cala Luna Book Cover Aurora. Le lacrime di Cala Luna
Valeria Papa
Thriller
WritersEditor
2020
Cartaceo
72

Aurora è la protagonista della storia, la sua vita è divenuta triste dopo aver perso i genitori in un incidente, passa le giornate in solitudine e le serate a lavoro. Gli unici affetti rimasti sono i suoi due cari amici Luigi e Taisia.

L’arrivo di Enea la porterà a scontrarsi con il proprio passato e ad affrontare un futuro oscuro.

”Aurora- Le lacrime di Cala Luna” segna il suo esordio letterario, tramite la casa editrice WritersEditor.

“E il corpo morbido, privo di qualsiasi rigidità, in caduta libera di schiena. Il vento tra i capelli che le sfiorano il viso, quasi a volerla proteggere. Le braccia protese in avanti come per afferrare qualcosa… Forse qualcuno.
La mente vuota se non per un ultimo ricordo. Dalla gola nessun suono dopo il sospiro e messo nell’istante stesso della caduta. Poi il contatto
…”

 

Aurora, le lacrime di Cala Luna” è il libro d’esordio di Valeria Papa, edito da WritersEditor. In poche pagine, 72 per la precisione, il lettore viene coinvolto in un mix  di noir, giallo e mistero che lo porterà a scontrarsi con la drammatica realtà.

La vita di Aurora viene devastata dalla morte dei genitori in un tragico incidente. Dopo quattro anni dalla triste dipartita, sembra che la vita cominci a sorriderle nuovamente: un “fortuito” incontro con un ragazzo enigmatico, Enea,  riuscirà a scalfire il suo cuore indurito. Ma nulla è come sembra, il destino è in agguato e la nostra protagonista si troverà nuovamente sconvolta.

In quei tre albergava un qualcosa che era come una coperta calda nelle notti più fredde e un sorso di acqua ghiacciata nelle notti più torride. Non si ringraziavano vicendevolmente dalla sera alla mattina, ogni giorno, per esistere. La loro amicizia aveva una struttura solida, più dell’amore ma fatta della stessa sostanza, di quegli amori belli, i più belli: nati per caso e duraturi per scelta. Erano insieme dalla prima infanzia ed erano completamente gli opposti, ma si completavano, nonostante la distanza, nonostante i silenzi.

La trama  è interessante e l’autrice  mantiene viva l’attenzione del lettore attraverso una continua suspense, anche per mezzo di una scrittura asciutta e precisa che ti rapisce e ti conquista.

I personaggi sono ben delineati, sembrano vivi e si riesce sin da subito ad entrare in empatia con loro.

In 72 pagine ovviamente la storia è solo accennata, con brevi e veloci pennellate, dandoci comunque l’opportunità di apprezzare sia la scrittura che l’inventiva di questa giovane scrittrice al suo esordio.

Un romanzo breve, si legge in poco più di un’ora, che tramette la pericolosità di alcuni lavori e soprattutto la tenacia di voler a tutti i costi far vincere la legalità.

Quanto può l’incontro con una persona influenzare la tua vita? Guardare il mondo con occhi diversi. Scoprire un giorno che fino ad allora vedevi solo sbiadito, e adesso farsi tutt’attorno chiaro e luminoso. Sentire il cuore andare più veloce, mentre respiro invece si blocca. Quanto può l’incontro di una persona influenzare la tua vita? Probabilmente tanto dall’avere la possibilità di invertire le cose, avere il potere di riportare la felicità o generare caos e distruzione.

 

 

L’autrice

Valeria Papa è nata a Napoli l’11 aprile del 1988. Vincitrice dell’edizione 2020 del concorso letterario “Racconti Campani“ “Aurora – Le lacrime di Calaluna“ segna il suo esordio letterario, tramite la casa editrice WritersEditor. Nel mese di giugno, “Aurora – Le lacrime di Calaluna, vince il “Premio Nazionale Letteratura Contemporanea VIII edizione 2020 2021”

I molteplici impegni famigliari (ho due figli stupendi oltre ad un marito e a un cane) mi hanno sottratto per un lungo periodo ad una delle mie più grandi passioni: la lettura (oltre alla pallacanestro -amore questo condiviso con mio marito, allenatore, e mio figlio, arbitro, che ci ha portato a creare una nostra società dove ricopro il ruolo di presidente). Ora complice un infortunio che mi costringe a diradare i miei impegni fuori casa (non posso guidare) sono “finalmente” riuscita a riprendere un libro in mano! Il fato, insieme ad un post di Kiky (co-fondatrice de “La bottega dei libri” che conosco da oltre 20 anni) pubblicato su Facebook han fatto sì che nascesse la mia collaborazione con “La bottega”, collaborazione che quotidianamente mi riempie di soddisfazione.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: