Fantascienza

Recensione: “Armada” di Ernest Cline

Armada Book Cover Armada
Ernest Cline
fantascienza
DEA
2018
Ebook/Cartaceo
384

Zack Lightman è un sognatore. Sogna un mondo un po' più simile ai film di fantascienza e ai videogiochi che da sempre sono la sua più grande passione. Fantastica sull’evento apocalittico che un giorno giungerà a frantumare il monotono tran-tran della sua esistenza senza qualità. Dopotutto, sognare non ha mai fatto male a nessuno, specie quando il mondo reale si incarica di ricordarti a ogni passo quanto improbabile sia, per un ragazzo smanettone e pieno di rabbia, ritrovarsi in un futuro imminente a vestire i panni del Prescelto, dell'Eroe Destinato a Salvare l'Umanità. Ma poi Zack vede il disco volante. Quel che è peggio, la strana navicella spaziale pare uscita direttamente dal videogioco su cui lui trascorre le notti: un popolarissimo simulatore di volo online in cui i giocatori sono chiamati a difendere il pianeta Terra dalla minaccia di un'invasione aliena. No, Zack non ha perso la testa. Per quanto impossibile possa sembrare, quello che vede è fin troppo reale e le sue capacità di gamer si riveleranno essenziali nella corsa globale per scongiurare la fine del mondo. Finalmente, la epica occasione che aspettava è arrivata. Ma in mezzo al terrore e all'euforia della sua nuova missione, Zack non può fare a meno di ripensare alle storie fantascientifiche con le quali è cresciuto. E di chiedersi, in un crescendo di inquietudine, se lo scenario in cui si ritrova proiettato non sia un po' troppo familiare per non nascondere una realtà persino più inquietante e sinistra di quello che appare.

 

Zack Lightman sogna un mondo un po’ più simile ai film di fantascienza e ai videogiochi che da sempre sono la sua più grande passione.

 

Il protagonista del libro, Zack Lightman, è un adolescente problematico. Non ha mai conosciuto il padre, morto in un incidente quando Zack aveva pochi mesi di vita e che ora fatica a controllare la propria rabbia soprattutto quando qualcuno prova a gettare ombre sulla figura paterna. Ma Zack è uno dei migliori giocatori al mondo ad Armada, un videogame che simula un attacco alieno alla Terra. Un giorno il nostro protagonista viene prelevato da una navicella della Earth Defense Alliance che, guarda caso, è identica a quelle rappresentate nel videogame. Zack si trova, suo malgrado, incastrato in una cospirazione governativa che per decenni ha manovrato l’industria dei videogames, allo scopo di allenare generazioni di combattenti, in tutto il mondo, con il fine di difendere la Terra da una probabile quanto inevitabile invasione aliena.

Armada si legge tutto d’un fiato. È una vera miniera di riferimenti alla cultura pop degli anni ’80: musica, videogiochi, cinema. Cattura chi gli anni ’80 li ha vissuti utilizzando un “fattore nostalgia” impossibile da evitare perché solletica ricordi vissuti negli anni più belli della propria vita, e riesce anche ad accattivare la curiosità di chi invece gli anni ‘80 non li ha nemmeno sulla carta d’identità, giocando con citazioni, titoli e modi di dire che non possono non incuriosire.

Tuffandosi nel libro ci si rende conto di trovarsi dentro un sorprendente omaggio allo spettacolare mondo nerd che, vuoi o non vuoi, per un periodo più o meno lungo, ha attraversato la vita di chiunque.
Ernest Cline ci fa immergere, fin dalle prime pagine, in una specie di avvolgente pellicola cinematografica, ricca di necessari e a volte prevedibili colpi di scena, di personaggi tagliati alla perfezione per il ruolo che svolgono e a cui è impossibile non affezionarsi. Ma la vera carta vincente di Armada è il suo stile semplice, diretto, commemorativo ma, soprattutto, non arrogante.
Consiglio la lettura a chiunque, di ogni età. Leggete Armada mettendo da parte ogni previsione e lasciatevi condurre attraverso un’avventura che molti di noi (io sicuramente) hanno già sognato di vivere e che si rivelerà, in tantissime sfaccettature, anche innovativa.

 

 

 

Ernest CLINE è uno scrittore bestseller di fama internazionale, sceneggiatore, padre, e geek a tempo pieno. È autore di Ready Player One e co-sceneggiatore dell’adattamento cinematografico diretto da Steven Spielberg. I suoi romanzi sono pubblicati in oltre 50 Paesi e sono rimasti per 100 settimane nella classifica dei libri più venduti sul New York Times. Vive a Austin, Texas, con la sua famiglia, una DeLorean in grado di viaggiare nel tempo e una sterminata collezione di videogiochi vintage.

Luca Martorana, siciliano classe ‘73, è un ex giocatore professionista di pallacanestro e grande appassionato di “Heavy Metal”. Appassionato lettore, divora libri fin da bambino.  E’ un patito di cinema e serie tv, soprattutto se di fantascienza. Ama esplorare strade sempre nuove in sella alla sua Harley. Nel tempo libero lavora….ma niente di serio.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: