April è scomparsa Book Cover April è scomparsa
Sarah A. Denzil
Thriller
Newton Compton editori
Gennaio 2019
Ebook/cartaceo
195

Hannah Abbott ha paura della sua stessa ombra. Vive in un costante stato di ansia e per questo motivo cerca di starsene più isolata che può nella sua casa nello Yorkshire. Lascia l’appartamento molto raramente e la sua unica amica è Edith, un’anziana vicina. Ma tutto è destinato a cambiare per sempre quando sull’altro lato della strada si trasferisce la famiglia Mason. È il ritratto della perfezione e tutto l’affetto dei genitori si riversa sull’adorabile figlia adolescente, April. Ma un giorno Hannah vede qualcosa di inquietante dalla finestra. Qualcosa che la costringe a fare una scelta. Laura Mason è stanca di fingere che tutto sia a posto. Fare in modo che tutti pensino che la sua famiglia è perfetta può diventare estenuante. Specialmente perché quando le porte di casa vengono chiuse, niente è più come sembra. La loro vita è un castello di bugie, c’è un passato oscuro che ha lasciato cicatrici profonde. E sua figlia si trova proprio al centro della tempesta. Chi salverà April?

April è scomparsa

Un thriller incredibilmente unico che inganna il lettore fino all’ultima pagina e con un finale così sconvolgente da lasciare a bocca aperta.

Mentre iniziano a svuotare un’altra scatola li guardo entrambi, e so che dovrei essere felice. Non tutti sono così fortunati da avere una bella famiglia, un buon lavoro, e un paio di amici di cui potersi fidare. Alcuni vivono da soli e non hanno niente di tutto questo, nemmeno la salute. Ma la felicità è volubile quanto April, e come le fate nei film della Disney, non può essere attirata in superficie se si rifiuta di emergere. Me ne sto lì impalata a sorridere, ma l’unica cosa che riesco a pensare è: mi sembra tutto così falso . E questa sensazione mi sconvolge fino al midollo.

 

 

“April è scomparsa” è un thriller che riesce a scavare nella psiche del lettore, per fargli vivere un inaspettabile vicenda, tutto inizia in una apparentemente tranquilla stradina di periferia, Cavendish Street; fin dalle prime pagine tuttavia si respira già una sorta di inquietudine, infatti il lettore tramite le parole narrate da una delle due protagoniste, Hannah, percepisce che in quella stradina qualcosa non va a partire dalla stessa che soffre di una profondissima ansia e che ha un passato orrendo con cui deve fare i conti.

A Cavendish Street vive anche Edith la tipica vecchina ficcanaso, quella vicina che sa tutto di tutti a cui è morto il marito e che non vede di buon occhio i turisti di cui lei non sa nulla, ed è proprio lei la prima a presentarsi alla famiglia Mason composta da Laura, Matt e April di soli tredici anni, che ha comprato proprio la casa di fronte a quella di Hannah ed Edith.

I Mason visti da fuori potrebbero sembrare una famiglia normale, ma al loro interno hanno problemi insormontabili che li condurranno a un finale disastroso e inimmaginabile. La suspance cresce di capitolo in capitolo e l’empatia con il lettore è aumentata da una prima persona narrante in cui si intervallano le voci di Laura e Hannan e, di tanto in tanto, qualche stralcio del diario di April.

È una lettura molto consigliata e il testo ben scritto. Mi è piaciuto il suo trattare di tematiche attuali: “April è scomparsa” è un libro, ma potrebbe anche essere realtà, quante volte leggiamo sui giornali notizie drammaticamente simili.

Leggerò sicuramente altri libri di questa autrice.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: