Libri,  Romanzo Rosa

Recensione: “Appuntamento in terrazza” di Felicia Kingsley, Newton Compton

Appuntamento in terrazzo Book Cover Appuntamento in terrazzo
Felicia Kingsley
romanzo rosa
Newton Compton
20 aprile 2020
Kindle
217

“Rimanete a casa, rimanete a casa”, si sente urlare dagli altoparlanti delle uniche auto che circolano per le strade deserte di Milano. La vita congelata nel momento del lockdown ha colto tutti impreparati. Ma alcuni di più.

È il caso di Alex che, nel momento in cui il Governo annuncia la quarantena nazionale, si ritrova in isolamento con quella che da poche ore è diventata la sua ex, l’ultima persona con cui vorrebbe condividere l’aria. A distanza di una parete, nell'appartamento accanto al suo, c'è Didi, tornata a casa dei suoi per una breve visita, rimasta ostaggio della sua chiassosa famiglia: una madre complottista dipendente dai social, un padre drogato di lavoro che ha trasformato la casa in un ufficio, una sorella diciottenne aspirante influencer con cui è costretta a dividere la camera e un nonno nostalgico.

Per Alex e Didi la situazione è soffocante e, privati dei propri spazi, non resta loro che un posto per trovare un attimo di pace: il terrazzo. Le vite di Alex e Didi s'incrociano in un momento di emergenza e, quello che nasce come un incontro inaspettato, diventa un piacevole appuntamento quotidiano.

È possibile che un'amicizia nata in una situazione ai limiti del reale possa trasformarsi in qualcosa di più?

La felicità la conquisti quando smetti di aspettare e ti prendi il meglio dell’attimo che stai vivendo.

Alex e Didi abitano a Milano nello stesso palazzo. Uno di fronte all’altro, ma non si sono mai conosciuti. Alex abita con la sua fidanzata la “famosa” Gaia di FitwithGaia, mentre lei è appena rientra da Berlino per il compleanno della sorellina.  Entrambi, per motivi diversi, devono lasciare la propria casa, ma l’imminente annuncio del decreto nominato #iorestoacasa, impedisce loro di uscire, trasformando la quarantena in una vera tortura.

Alex si ritrova, così, a dover convivere con la sua ex, mentre Didi, deve sorbirsi la sua strana, numerosa e rumorosa famiglia. Per trovare un po’ di pace per se stessi, ad entrambi, non resta che uscire in terrazzo.

Qui sul terrazzo nasce tra i due una conoscenza e, in poco tempo, questo momento diventa un appuntamento fisso tra i due ragazzi.

L’appuntamento assume un significato sempre più serio: da conoscenza che sta nascendo senza secondi fini,  a corteggiamento. Non un corteggiamento moderno, un corteggiamento vecchio stile, ma che ancora desso fa sognare ogni ragazza.

«Diciamo che provo a corteggiarla, sì. Ma senza le lettere».

«Comportati bene. Io con la Marisa sono sempre stato garbato. E portala a ballare, la Didi. Alle donne piace l’uomo che sa ballare».

COMMENTO PERSONALE:

Appuntamento in terrazzo è un romanzo rosa, con autore onnisciente, che, capitolo dopo capitolo, mostra come viene vissuta la storia sia dal punto di vista di Alex che dal punto di vista di Didi.

È scritto in maniera molto leggera e risulta  piacevole alla lettura andando, però, a toccare molti temi importanti e utilizzando quella punta di ironia e spensieratezza che fanno piacere il libro.

Uno dei primi e più importanti temi che l’autrice affronta è quello, purtroppo attualissimo, della quarantena e di come ognuno la vive.

«Be’ se ci pensi bene la nostra condizione, adesso, è molto simile a quella di un animale allo zoo», ma fa notare. «Gli esseri viventi non sono fatti per l’immobilità. Guardaci, dopo poco più di una settimana di quarantena e per ragionevolissimi motivi sanitari molta gente è già sull’orlo dell’esaurimento nervoso. Pensa come stanno un leone o una zebra, che normalmente percorrerebbero decine di chilometri al giorno nella savana, chiusi in serraglio perché gli abitanti della Brianza possano fotografarli la domenica pomeriggio»

In tale maniera l’autrice, secondo me, vuole portare il lettore a riflettere sull’importanza di dedicare del tempo a se stessi, di riuscire a fermarsi ogni tanto in mezzo al caos che ci circonda.

Altro punto affrontato nel corso della storia, è quello delle radici e della famiglia. Per quanto vogliamo essere liberi e allontanarci dal nostro paesino perché in qualche modo ci sta stretto,, torniamo sempre dove siamo stati bene. Allo stesso tempo, per quanto possa apparirci chiassosa e stravagante la propria famiglia, non si può fare a meno di amarla.

Il punto più importante, e quello che mi ha più fatto emozionare, è il corteggiamento come si faceva una volta, con pazienza, sospiri e aspettative.

È la parte che più mi ha fatto apprezzare il libro: il cercarsi senza doversi nascondere dietro alla tecnologia. Non fermarsi all’apparenza o al contatto fisico, ma scoprire il piacere di approfondire una conoscenza perché davvero si ha voglia di ascoltare l’altra persona e non per un proprio tornaconto.

L’ho trovato un libro molto bello e divertente, che si legge in modo scorrevole. Emozionante la storia ed è estremamente facile immedesimarsi nel personaggio di Didi. Ho trovato, poi, bellissimi e tenerissimi i racconti del nonno quando revoca il suo corteggiamento con l’amata e la sua storia d’amore.

Davvero bello , soprattutto ottimo per strappare un sorriso in questo periodo e far emozionare le più romantiche.

L’AUTRICE

FELICIA KINGSLEY: è nata nel 1987, vive in provincia di Modena e lavora come architetto. Matrimonio di convenienza, il suo primo romanzo inizialmente autopubblicato, ha riscosso grande successo in libreria con Newton Compton ed è diventato il secondo ebook più letto del 2017

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: