Le cose che ti capitano di nascosto Book Cover Le cose che ti capitano di nascosto
Antonino Geraci
narrativa
Epika Edizioni
7 maggio 2020
cartaceo, ebook

 

Un romanzo scritto sotto forma di diario per sottolineare i dettagli emotivi di chi scrive: “Le cose che ti capitano di nascosto” di Antonino Geraci conclude la rubrica NOI PER VOI di oggi

 

I pesci si fanno vicini quando hanno paura e devono affrontare qualcosa di più grande di loro.

L’ho letto nei libri.

Noi siamo pesci piccoli.

E quello che è successo è più grande di noi.

Fabio ha dieci anni, è introverso ma con una spiccata fantasia. Le sue passioni sono i fossili, i libri e sognare cosa farà da grande. Su un quaderno scrive il diario delle sue vacanze in colonia nell’estate del 1979 e ci racconta dei suoi giochi e delle sue noie, del suo entusiasmo e delle sue paure, dei suoi amici a volte veri e a volte immaginari. Fa così le proprie scoperte, ora nel mondo reale, ora in un suo mondo inventato.

Con la memoria confusa di chi è distratto dall’abitare più mondi. Giorno dopo giorno racconterà quello che è un crescendo di episodi misteriosi e ambigui tanto da diventare complicato, anche per Fabio, capire se quanto scrive sia davvero accaduto o sia frutto della sua fantasia.

Perché spesso siamo portati a negare l’esistenza di ciò che ci spaventa.

“È uno scemo”, dicono alcuni di lui. “È un genio”, dicono altri. Di una cosa Fabio è convinto: alcuni bambini ospiti della colonia sono scomparsi. Anche se tutti lo negano.

 

L’autore

Sono nato a Monza nel 1974 e sono quarantacinque anni che mi racconto storie. Spesso cerco di coinvolgere anche gli altri in questa mia narrazione.

    “LE COSE CHE TI CAPITANO DI NASCOSTO” è il mio romanzo d’esordio, pubblicato da Epika Edizioni nell’aprile del 2020.

Vivo in provincia di Modena dal 1993, e nello stesso anno mi sono iscritto all’università di Modena e Reggio Emilia, dove mi sono laureato in Economia. Lavoro presso un istituto di credito.

    Abito con mia moglie in una casa stracolma di libri.

    Tra i tanti che adoro, i libri che più amo sono: Le ceneri di Angela di McCourt, Il signore delle mosche di Golding e Cecità di Saramago.

    Leggere non è una mia passione, è un bisogno. Come il bere e il mangiare.

    Scrivere, invece sì, è una passione che forse maschera la mia necessità di prendere appunti sulle storie che nascono dentro di me e mi abitano.

    Ho studiato, per provare a imparare a mettere i miei pensieri su carta, ma se di formazione posso parlare sicuramente una forte influenza l’hanno avuta, da giovanissimo, e solo per citarne alcuni, autori come Salgari, Verne e Calvino da un lato, Lovecraft, Poe e Stephen King dall’altro (il lato oscuro).

    Un’altra mia passione, che è stata repressa in questi ultimi mesi a causa del coronavirus, sono i viaggi. Ho avuto la fortuna di attraversare mezzo mondo.

    Viaggiare è come leggere: entri nelle storie degli altri.

    E questa è, in pochissime righe, la mia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: