Biografia,  Noi per Voi,  Romanzo,  Segnalazione

NOI PER VOI: “Capitano della mia anima” di Gianmaria Spagnoletti, La Compagnia della Stampa

Capitano della mia anima Book Cover Capitano della mia anima
Gianmaria Spagnoletti
Narrativa, biografia
La Compagnia della Stampa
2019
cartaceo
152

 

“Non importa quanto sia stretta la porta, \ Quanto impietosa la vita, \ Io sono il padrone del mio destino: \ Io sono il capitano della mia anima”. I versi di “Invictus” W. H. Henley si adattano perfettamente al carattere del protagonista, la cui vicenda non mancherà di appassionarvi fino all’ultima pagina.

 

per la rubrica NOI PER VOI, “”Capitano della mia anima” di Gianmaria Spagnoletti

 

 

La prima impresa della vita è nascere. La seconda è sopravvivere. Questa è la storia di Peter, un “giovane dei nostri tempi” che, appena dopo esser venuto al mondo ha il suo primo “incontro con la morte”: una circostanza fortuita imprime alla sua vita una svolta imprevista che la segnerà per sempre. E Peter si troverà per sempre a fare i conti con un corpo che a fatica gli ubbidisce: non può correre, non può saltare, ogni movimento gli costa uno sforzo incredibile.

È un problema, quello del limite fisico, che inizialmente lo abbatte, ma poi diventa la sua sfida, educandone la forza di volontà nella vita, nello sport, nell’amicizia e nell’amore. Senza farsi fermare dagli inevitabili fallimenti, Peter riesce nell’obiettivo di far diventare quell’ostacolo una risorsa che lo rende più forte e determinato persino dei cosiddetti “normali”. Senza curarsi del giudizio degli altri, Peter cerca di trovare il suo limite per superarlo. E riesce a dare un senso anche al suo corpo “storto”, a quell’incidente senza un “perché” che lo ha reso imperfetto.

 

L’autore

Gianmaria Spagnoletti è nato a Brescia nel 1983. Vive nella Bassa, a Ghedi.
Dopo aver conseguito il diploma di Maturità scientifica, si è laureato in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia.
Benché segnato nel corpo da un drammatico “incidente di percorso” (una asfissia che gli ha lasciato un problema permanente di deambulazione) non si è fatto minimamente abbattere.
Oltre allo studio ha coltivato l’amore per la vita all’aria aperta, in special modo nelle camminate in alta montagna e per il volo sportivo. Ama la buona compagnia, ma è a suo agio anche nella solitudine. Ha viaggiato in molti paesi, ma con il cuore sempre indissolubilmente legato alla sua terra. Ha scritto questo libro nella speranza che potesse dare conforto a tutte quelle persone in una condizione simile alla sua.

Leggere mi stimola e mi riempie. L'ho sempre fatto, fin da piccola. Prediligo i classici, i romanzi storici, quelli ambientati in altre epoche e culture. Spero di riuscire a condividere con voi almeno parte dell'impatto che ha su di me tutto questo magico universo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: