Saranno previste limitazioni sugli sconti possibili sui libri allo scopo di favorire le piccole librerie

Fino ad oggi, le librerie hanno potuto effettuare per i loro clienti uno sconto massimo del 15 per cento sui libri acquistati.

La nuova legge approvata questa settimana riduce un po’ questa percentuale: d’ora in poi le librerie (comprese le catene) non potranno proporre al cliente uno sconto maggiore del 5 per cento. Allo stesso modo, saranno limitate le case editrici, che non potranno scontare il libro oltre il 20 per cento del prezzo di copertina.

Un aspetto positivo della legge sarà di certo il progetto “Capitale italiana del libro”: ogni anno, da questo corrente, sarà nominata una capitale della lettura, con finanziamenti da 500.000 euro. Inoltre, grazie alla “Carta della cultura”, del valore annuale di 100 euro, anche le famiglie in difficoltà economica potranno godere dei benefici che comporta l’acquisto e la lettura di un libro.

Scritto da:

Alice

Leggere mi stimola e mi riempie. L'ho sempre fatto, fin da piccola. Prediligo i classici, i romanzi storici, quelli ambientati in altre epoche e culture. Spero di riuscire a condividere con voi almeno parte dell'impatto che ha su di me tutto questo magico universo.