Libri,  News

NEWS: “Macchine vive. Dalle marionette agli umanoidi” – Museo Pasqualino

 

 

“Macchine vive. Dalle marionette agli umanoidi”: i contributi di studiosi e artisti nel volume a cura di Caterina Pasqualino per le edizioni del Museo Pasqualino. Domani in streaming

Nuovo appuntamento con il ciclo #presentazioniedizionimuseopasqualino.

Domani, martedì 11 maggio alle 18, in diretta streaming dalla pagina Facebook e Youtube del Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino si terrà la presentazione del libro Macchine vive. Dalle marionette agli umanoidi, a cura di Caterina Pasqualino, pubblicato dalle Edizioni Museo Pasqualino.

Interverranno Josè Antonio Alcantud (Università di Granada), Caterina Pasqualino (CNRS Parigi), Arnold Schneider (Università di Oslo).
Modererà Rosario Perricone (direttore delle Edizioni Museo Pasqualino).

Questo volume riporta gli esiti del seminario Macchine vive: dalle marionette agli umanoidi, organizzato al Museo delle marionette Antonio Pasqualino nel 2011 con la collaborazione del gruppo di ricerca internazionale (GDRI) Anthropologie et histoires des arts del Museo del Quai Branly di Parigi.
Alcuni antropologi, un artista e uno storico dell’arte hanno studiato le relazioni singolari che alcuni individui stabiliscono con gli esseri inanimati: santi portati in processione, marionette, meccanismi animati inventati da artisti, robot ecc.
I saggi raccolti in questo volume studiano le condizioni in cui si può sviluppare, davanti ai nostri occhi, un nuovo tipo di animismo che vada al di là delle distinzioni tra umano e non umano. Un “mirabile artificio” caratterizza queste macchine che “esistono” in una sorta di zona di frontiera tra la vita e la morte e non sono né interamente vive né interamente morte.

Sono principalmente moglie e mamma di due splendide ragazze ed ho la passione per la musica ma soprattutto per la lettura. Leggo di tutto romanzi, saggi, storici, ma non leggo libri nè di fantascienza né di horror.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: