Libri,  News

NEWS: “La Revue Dessinèe sbarca in Italia”

 

A partire dal 3 maggio 2021, con il lancio della campagna di pre-abbonamento su Ulule, inizia il conto alla rovescia per vedere finalmente anche in Italia una vera rivista di informazione a fumetti: la Revue Dessinée Italia, la sorella italiana della mitica rivista francese nata il Francia nel 2013

La collaborazione con la Francia sarà intensa già a partire dal crowdfunding di pre-abbonamento, durante il quale sarà possibile abbonarsi a entrambe le riviste ad un prezzo speciale. Per il primo numero della Revue italiana stiamo poi preparando una inchiesta speciale in coproduzione che annunceremo nei prossimi mesi.

La Revue Dessinée Italia è un progetto libero, ispirato dalla Revue Dessinée francese e prodotto in continuità con i suoi principi ideali di indipendenza e impegno sociale. La Revue nasce senza i vincoli della pubblicità e senza grandi editori alle spalle, sarà sostenuta direttamente dalle lettrici e dai lettori e racconterà in piena autonomia la complessità della realtà in cui viviamo e lo farà affiancando il rigore del giornalismo alla potenza del fumetto.

Che cosa sarà la Revue Dessinée Italia?

La Revue Dessinée Italia sarà una rivista trimestrale di circa 230 pagine, composta principalmente da inchieste giornalistiche a fumetti, intervallate da alcune rubriche anch’esse a fumetti.

Le storie saranno scritte da giornalisti e saranno sceneggiate dagli stessi in collaborazione con i fumettisti selezionati dalla redazione. I binomi saranno formati da alcune delle migliori firme del panorama giornalistico e alcune tra le migliori matite del panorama fumettistico. Mentre le copertine saranno sempre di autori e autrici d’eccezione, in linea con la tradizione della Revue francese, che negli anni ha pubblicato cover di Gipi, Lorenzo Mattotti, Bianca Bagnarelli e Andrea Serio, per restare soltanto agli italiani.

Gli argomenti e i temi che saranno affrontati e declinati in storie a fumetti risponderanno a un unico imperativo:
informare, spiegare, mostrare, indagare con un punto di vista critico argomenti di interesse generale, inclusi quelli che spesso non trovano spazio nei media tradizionali. Sceglieremo storie che non restano prigioniere dell’attualità ma che raccontano dinamiche di lungo periodo che riguardano tutti noi.
Per un esempio di inchiesta a fumetti, sul nostro sito abbiamo tradotto una delle ultime apparse sulla Revue francese, si intitola Carne da cartone e indaga come Amazon ha approfittato della pandemia aggirando l’interdizione di vendere prodotti “non essenziali” per aumentare i propri introiti.

Ogni numero conterrà 6 storie a fumetti di una trentina di pagine realizzate da binomi diversi e 6 rubriche a fumetti realizzate da autori ricorrenti. In ogni numero ci sarà almeno una storia proveniente dalla rivista francese e alcune storie saranno realizzate in co-edizione con i cugini transalpini per essere pubblicate su entrambe le riviste.

Il primo numero della rivista uscirà nella primavera del 2022. Oltre alla diffusione tramite abbonamento, la rivista sarà
disponibile nelle migliori fumetterie e nelle librerie di tutta Italia.

Chi c’è dietro alla Revue Italia?

La squadra della Revue Dessinée Italia è composta da una redazione sparsa tra Milano, Parigi e La Spezia.

A dirigere i lavori, da Parigi, c’è Massimo Colella, fondatore dell’agenzia La Bande Destinée, produttore insieme a Gipi del gioco di carte Bruti nel 2015 e del progetto di divulgazione scientifica a fumetti Erccomics, tra il 2016 e il 2019.

A supervisionare la parte giornalistica, da Milano, c’è Andrea Coccia, giornalista indipendente, cofondatore di Slow News e autore del pamphlet Contro l’automobile, nel 2020.

A curare l’impaginazione e la grafica c’è, da La Spezia, lo Studio Traccia, attivo dal 2017, che raccoglie alcuni dei membri del collettivo di fumettisti Mammaiuto.

Sono principalmente moglie e mamma di due splendide ragazze ed ho la passione per la musica ma soprattutto per la lettura. Leggo di tutto romanzi, saggi, storici, ma non leggo libri nè di fantascienza né di horror.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: