Festival della letteratura di Mantova 2019: al via l’appuntamento più atteso con la cultura

“Sempre più mi vado facendo persuaso che di certi aspetti di noi italiani noi stessi italiani non ne sappiamo niente di niente […]. Ora mi ritrovo a Mantova dove, in una serata di luglio, alcuni mantovani fecero la bella pensata d’organizzare una specie di “festa” della letteratura, da tenersi ogni anno sul finire dell’estate.”    ANDREA CAMILLERI

Dal 1997, Festivaletteratura è uno degli appuntamenti culturali italiani più attesi dell’anno, una cinque giorni di incontri con autori, reading, percorsi guidati, spettacoli, concerti con artisti provenienti da tutto il mondo, che si ritrovano a Mantova per vivere in un’indimenticabile atmosfera di festa.

Al Festival partecipano narratori e poeti di fama internazionale, le voci più interessanti delle letterature emergenti, e ancora saggisti, musicisti, artisti, scienziati, secondo un’accezione ampia e curiosa della letteratura, che non si nega alla conoscenza di territori e linguaggi lontani dai canoni tradizionali.
Un’attenzione particolare è rivolta ai bambini e agli adolescenti: numerosi incontri, spettacoli e laboratori sono pensati solo per i ragazzi o per adulti e ragazzi insieme. Il tutto a Mantova, una perla del Rinascimento riconosciuta dall’Unesco patrimonio mondiale dell’umanità, dove la dimensione raccolta della città avvicina autori e lettori.

La 23sima edizione del Festival della letteratura di Mantova sarà dal 4 al 9 settembre. 350 gli eventi in programma, organizzati in tutta la città. Un’edizione del Festivaletteratura 2019 in chiave multiculturale: su 380 ospiti, saranno 75 gli autori provenienti da tutto il mondo. Nella città lombarda approderanno scrittori del calibro di Margaret Atwood, l’autrice del libro diventato serie-culto “il racconto dell’Ancella”, Ian McEwan, autore tra gli altri di “Espiazione” e Dacia Maraini, ma anche giornalisti come Michela Murgia, Massimo Gramellini, Corrado Augias e Marco Damilano, intellettuali del calibro di Massimo Cacciari e Erri de Luca. Ci sarà anche l’attivista turca Elif Shafak, autrice di “La bastarda di Istanbul” e “le quaranta porte” e Nadal al-Sa’dawi, la scrittrice e psichiatra egiziana che si batte per i diritti delle donne. Grazie al suo romanzo, “Memorie di una donna medico”, ripercorrerà le vicende che l’hanno vista protagonista nella battaglia femminista degli anni 70 a oggi: dal carcere a vittima di soprusi fisici e psicologici.

Scritto da:

Maria Rita

Sono principalmente moglie e mamma di due splendide ragazze ed ho la passione per la musica ma soprattutto per la lettura. Leggo di tutto romanzi, saggi, storici, ma non leggo libri nè di fantascienza né di horror.