Intervista a Paolo Ceccarini tra fragilità, riflessioni e chiaroscuri