Libri

Intervista a Daniela Nolli tra esperienze vissute e mancate

Buongiorno cari lettori, bentrovati nel nostro angolo interviste. Oggi abbiamo il piacere di ospitare Daniela Nolli! Ecco a voi l’intervista…

Cara Daniela, benvenuta! Siam felici di averti qui con noi. La nostra Cristina ha recensito il tuo ultimo romanzo: Il tutto nel silenzio, Pegasus Edition.

daniela nolli

Ma rompiamo subito il ghiaccio e iniziamo l’intervista! Come e dove è nata la tua voglia di scrivere libri?

Penso sia nata con me, ho sempre avuto voglia di ascoltare e inventare storie. Durante la mia infanzia, ho imparato ad apprezzare i momenti di solitudine, istanti che occupavo dando sfogo alla fantasia, ore riempite creando racconti, che regalavo ai miei genitori. In seguito, ho continuato scrivendo i miei diari (ottimi psicoterapeuti, consigliabili a tutti), lettere ad amiche lontane e poesie. Quando la vita mi ha travolta con tutti i suoi impegni, famiglia e lavoro sono diventati prioritari ma mi mancava qualcosa ed ero insoddisfatta.
Un’amica mi ha aperto gli occhi e mi ha fatto capire che ognuno di noi ha uno scopo su questa terra, che ciò che ci rende felici non deve mai essere accantonato. Ho ripreso a scrivere e l’ho fatto con grande impegno; sette anni fa ho scritto il mio primo romanzo e da allora non mi sono mai fermata. Nel 2017 ho pubblicato il racconto “Le incantevoli storie di nonno Saverio” con la casa editrice Giovanelli e a febbraio 2018 il mio quarto romanzo “Il tutto nel silenzio”con Pegasus Edition (gli altri tre sono ancora inediti). Ora sono davvero felice.

Di solito chi scrive romanzi è una persona che ama leggere. Ti è mai successo che uno dei tuoi libri fosse “influenzato” da un libro letto nel passato?

Quando scrivo credo di essere influenzata da tutte le esperienze della mia vita, dai libri, dalle persone, dagli ambienti in cui sono stata, credo sia impossibile evitarlo ma non c’è mai stato un libro, un evento, o una sola persona in particolare a dare il via al processo creativo. Spesso, si tratta di mescolare esperienze vissute e mancate. Certamente, scrittori come Guillaume Musso, Dan Brown, Khaled Hosseini, Stephenie Meyer, Stephen King, Giorgio Faletti, Glenn Cooper, Lauren Kate, Joe Vitale, Doreen Virtue, Louise Hay, Nicholas Sparks e molti altri, mi hanno dato tanto ma cerco di sviluppare le mie idee, quelle che sappiano parlare di me.

Che genere preferisci leggere?

Dagli autori appena nominati, si può comprendere che amo spaziare tra diversi generi, sono curiosa e mi piace leggere dell’amore, del mistero, del lato oscuro umano, farmi sorprendere dal sovrannaturale e anche dall’inesauribile stupore che la vita reale sa regalare.

Quale genere non scriveresti mai e perché?

Mai dire mai, in ogni romanzo ho affrontato temi diversi, non posso porre limiti all’ispirazione, il tempo mi ha portata a cambiare continuamente prospettiva ed è questo il bello, ciò che rende stimolante la scrittura.

Che consigli daresti a chi vuole intraprendere la carriera dello scrittore/scrittrice?

Principalmente di essere caparbi, di non mollare alla prima delusione, né alla seconda, né alla centesima, mai! Se adorate scrivere, non smettete, fatelo per voi stessi e per gli amici ma provate a partecipare ai concorsi, a inviare le vostre opere alle case editrici, perché se rende felici voi, potrebbe regalare gioia anche ad altri, sconosciuti che potranno essere toccati dalle vostre parole, solo grazie alla divulgazione. Io ho vinto dei concorsi letterari e dunque la pubblicazione gratuita di alcune mie “creature”(per le altre continuo a nutrire speranza). Ho preferito non auto-pubblicarmi ma è una scelta personale, non giudico chi prende quella strada, ognuno ci arriva con percorsi diversi. Fondamentale è non smettere mai di migliorarsi, accettare le critiche, mettersi in gioco, restare umili e aperti ai consigli.

Sei di fronte ad uno specchio, l’immagine di quale dei tuoi protagonisti vedresti?

Credo che l’immagine rimandata dallo specchio potrebbe spaventarmi, sarebbe un’accozzaglia di parti diverse tra loro, pezzi di ognuno dei miei personaggi, cucite assieme come la creatura del dottor Frankenstein! A parte gli scherzi, di quest’ultimo romanzo “Il tutto nel silenzio” vorrei avere la saggezza e la pace interiore di Kari, il maestro yogi nomade, ma mi rendo conto che sono più simile a Simone, una persona controversa, che lotta per arrivare all’equilibrio, a migliorare se stessa e a volersi bene, nonostante gli impedimenti della vita.

Come nascono i tuoi personaggi?

I miei personaggi sono un mix delle persone che ho conosciuto, con un pizzico di quelle che forse non conoscerò mai. Realtà e immaginazione si amalgamano sempre, quando devo dare vita ad un personaggio. Ciò che mi piace di più è il legame che si crea, pian piano, attraverso la narrazione, tanto forte da farmi gioire e soffrire con loro. Spesso piango nei tristi epiloghi delle loro vite, perché, radicati come sono nel mio cuore, diventano di famiglia…

Quanto c’è di te nei tuoi romanzi?

Nei romanzi c’è tutto di me, sono rivisitazioni delle mie emozioni, delle mie esperienze, dei miei sogni e delle mie fantasie, storie mai vissute che nascondono comunque la mia essenza.

Ed ora, per concludere, un accenno ai tuoi prossimi progetti…

Ho già pronto il mio quinto romanzo, la storia di due amiche, di una casa di riposo, della malattia, di un sentimento che non può essere spezzato, capace di realizzare sogni, persino al tramonto di un’esistenza. Amo molto questa storia perché testimonia quanto l’amicizia possa essere l’amore più puro. Spero di pubblicarlo prossimamente, ora però mi sto concentrando sulla promozione di “Il tutto nel silenzio” e nella stesura del mio sesto romanzo. Impossibile smettere!

Rimaniamo in attesa di queste letture, ti ringraziamo e salutiamo!

A voi tutti diamo appuntamento alla prossima settimana…

 

Trentenne in cerca della sua strada nel mondo. Amo leggere e perdermi tra le pagine di un libro, viaggiare con la mente in posti che non conosco, vivendo un'infinità di vite e storie. Girovagando sul web, sono inciampata ne "La Bottega dei libri", un piccolo grande ritrovo per gli amanti della lettura come me. Quindi eccomi qui a scrivere e condividere con voi questa passione...

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: