“Racconti di traduzione: Yasmina Mélaouah su “LA PESTE” di Albert Camus

 

Albert Camus (1913-1960) pubblica La peste nel 1947. Uscito pochi anni dopo la conclusione del secondo conflitto mondiale, il romanzo ottiene fin da subito grandi consensi. Il suo primo grande successo di vendita: 161.000 copie nei primi due anni. Questo romanzo è stato venduto, da allora, in più di 5 milioni di esemplari, tenendo conto di tutte le ristampe francesi.

La peste si presenta come una riflessione allegorica sul male e sul recente trauma della guerra, che ancora pesano sulle coscienze europee: come il male, la peste non viene mai debellata del tutto, ma restan latente in attesa dell’ambiente propizio a una nuova esplosione.

 

 

YASMINA MELAOUAH INTERVERRA’ IL 9 MAGGIO AL SALONE INTERNAZIONALE DEL LIBRO DI TORINO

 

Nata a Tunisi, vive da sempre in Italia e da quarant’anni a Milano dove si è laureata in letteratura francese.
Da svariati decenni legge e traduce narrativa francese. Ha insegnato traduzione all’Università degli Studi di Milano e insegna tuttora alla Civica Scuola per Interpreti e traduttori Aliero Spinelli di Milano.
Ha tradotto, fra gli altri, Pennac, Chamoiseau, Colette, Genet, Alain-Fournier, Mauvignier, Enard.
Nel 2017 è uscita la sua ritraduzione de La peste di Albert Camus.
Nel 2007, in occasione delle Giornate della traduzione di Urbino, ha ricevuto il premio per la traduzione del Centro Europeo per l’editoria.

 

Scritto da:

Maria Rita

Sono principalmente moglie e mamma di due splendide ragazze ed ho la passione per la musica ma soprattutto per la lettura. Leggo di tutto romanzi, saggi, storici, ma non leggo libri nè di fantascienza né di horror.