Blogtour,  Recensioni,  Romantic-suspense

BLOG TOUR: “Pericolosamente tu” di Tiziana Lia – 6 Tappa: La Recensione

Pericolosamente tu Book Cover Pericolosamente tu
Tiziana Lia
romantic-suspense
Self-publishing
ottobre 2020
cartaceo, ebook
243

Una famiglia unita. Un segreto taciuto per quarant’anni. Una sottile vendetta.

In passato un uomo l’ha sedotta, per causa sua adesso Joanna rischia la vita. L’FBI non ha dubbi: un pericoloso criminale è sulle sue tracce e non si fermerà. Solo un uomo può proteggerla: Alejandro Cortez, un ex ranger addestrato alle azioni più pericolose.

Un uomo che l’ha avvicinata sotto false spoglie.

Un uomo che nasconde una scomoda verità.

Inganni, veleni, false identità, e il pericolo sempre a un soffio. Come le loro labbra, le loro anime, i loro cuori, in un imprevisto chiamato passione.

 

“Non solo Joanna Combs era una delle più belle donne che avesse mai incontrato, ma pareva non essere per nulla impressionata dalla sua persona”

 

E se aggiungiamo il fatto di appartenere ad una delle famiglie più ricche e influenti del Texas, beh il quadro diventa ancora più interessante. Ma, in realtà, il centro di interesse, almeno inizialmente, di Alejandro sarà l’appartenenza ad una famiglia, i Ford, con cui lui ha qualche conto in sospeso. Johanna? Un imprevisto inaspettato che gli porterà non pochi dissidi interiori, oltre che stravolgimenti nel suo progetto di vendetta.

Eccoci giunti alla sesta tappa del Blog Tour dedicato a Pericolosamente tu di Tiziana Lia. Abbiamo già avuto modo di indicarvi i tre motivi per i quali dovete assolutamente leggere questo romanzo. Uno di questi era relativo al personaggio di Johanna; ma oggi, abbiamo deciso di dare inizio alla recensione partendo dalla sua “controparte”, Alejandro. Ma attenzione! La storia d’amore, scontata, tra i due personaggi principali non è la sola protagonista di questa avventura.

«Le dico subito che non so dove sia Martin Maxwell.»
«Non ti credo» sentenziò, portandosi la sua tazza alle labbra. Jo avvertì il gelo alle ossa, il terrore la investì impietoso.
«Il governo afferma che Martin ha rubato quarantamila dollari che dovevano essere versati a lei, un’altra versione dichiara che invece non ha trafugato nulla. Qual è la verità?»

“Avventura” è proprio il termine giusto per darvi l’idea di cosa incontrerete nel corso della lettura. A fare da sfondo, c’è una potente famiglia, implicata in affari e in proprietà dalla particolare storia; devo ammettere che di grande aiuto è stato l’albero genealogico che l’autrice ci fornisce fin dall’inizio. Una famiglia “allargata”, ma – aspetto molto bello – unita, nonostante tutto. Tante vicende ruotano intorno alla famiglia Ford, il che rende la storia molto dinamica e frizzante. E quando in tutto ciò si inseriscono anche sentimenti improvvisi e veri, la suspense aumenta e tutto acquisisce un diverso sapore.

La trama del romanzo sembra essere quella di un film, in cui una donna, delusa dall’amore e ormai disillusa, e un affascinante uomo d’affari (ops scusate, un “ranger”), si incontrano per un contratto di locazione… ma in realtà per tutt’altro. Non posso svelarvi molto della trama, ma in questa storia, almeno all’inizio, non tutto sarà come sembra. Solo con Johanna si ha qualche certezza: lei infatti si ritrova da un momento all’altro ad essere ricercata da uno dei narcotrafficanti più pericolosi del continente. Dimenticavo… un’altra cosa è certa: che non si fiderà più degli uomini e dell’amore. Ma su questo, il lettore avrà ben modo di ricredersi!

Presa da un’impetuosa vertigine, Jo si riempì le narici del profumo dei fiori, seppellendosi tra le corolle per celare, disperata, il tumulto di sensazioni che stava provando. Nessuno l’aveva mai trattata come una regina, nessuno prima di quell’uomo.

Come anticipato, la trama è molto complessa. I personaggi sono tanti e – devo dire – è difficile qualificarli come secondari rispetto ai protagonisti. 2017 dei cieli, i top e i flop delle compagnie aeree nel mondoOgni personaggio, infatti, dà il proprio rilevante contributo alle vicende e senza ognuno di loro è difficile immaginare che la storia possa proseguire indenne della bellezza che a mio parere la caratterizza. È una lettura avvincente, viva!

Il punto di vista della narrazione varia nel corso del libro, il che ci permette di conoscere bene i protagonisti della storia. Lo stile narrativo è chiaro, pulito, scorrevole (anche nei passaggi più tortuosi). Tutta la mia stima va all’autrice che non si è persa né fa perdere il lettore in tutti i meandri di queste storie. E parlo di “storie” non a caso: sono tante le situazioni affrontate, apparentemente autonome l’una dall’altra, ma che alla fine si scopriranno essere intensamente collegate.

Incontrando gli occhi di Hugh, di Consuelo e di Esteban attorno al tavolo delle riunioni, si maledì per aver aderito a quel progetto che gli avevano proposto, dandolo anche per successo assicurato.

La suspense fa da padrona, nonostante non parliamo di un thriller o un giallo. Il lettore si ritroverà ad essere costantemente sulle spine sia per i modi di fare di Johanna, non sempre condivisibili, sia per le scelte di Alejandro, combattuto tra il realizzare la vendetta di una vita e un nuovo sentimento che sta facendo luce nel suo cuore. Ma, devo deludervi: sarete in suspense per ancora tanto altro!

Mi piace, infine, pensare che l’autrice, oltre che farci affezionare alla storia e ai personaggi, abbiamo voluto anche comunicare un messaggio, o più di uno. Nella nostra tappa del blog tour vi avevamo parlato di speranza… oggi alla speranza aggiungiamo un altro valore qui presente: il coraggio di perdonare.

 

 

L’autrice

Tiziana Lia nasce a Roma nel ’71. Madre di tre figli, non ha mai abbandonato la passione per la lettura, cui si è aggiunta quella della scrittura che rappresenta il modo per dare voce alla sua fervente fantasia. A partire dal 2009 la collaborazione di qualche anno con riviste di tiratura nazionale le permette di rivelarsi ai lettori con quasi ottanta racconti, alcuni romanzi a puntate e un romanzo breve. In seguito pubblica vari romance con CE e in self-publishing. Sognatrice, amante del lieto fine e delle emozioni, ogni storia che scrive è per lei una vita da vivere.

 

Leggere mi stimola e mi riempie. L'ho sempre fatto, fin da piccola. Prediligo i classici, i romanzi storici, quelli ambientati in altre epoche e culture. Spero di riuscire a condividere con voi almeno parte dell'impatto che ha su di me tutto questo magico universo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: