Libri,  Romanzo storico

Giveaway. Babbo Bottega: Pitti Duchamp, il romanzo storico e non solo

Pitti e Olimpia… Olimpia e Pitti…

Quanto di Pitti e della sua vita c’è in Olimpia Borromini?

Innanzitutto grazie a Babbo Bottega… la mia adorata Bottega! Vi amo incondizionatamente. Passiamo oltre. Dunque, io sono sempre stata convinta di essere una grande intellettuale, modesta e umile (!!! Ovvio che scherzo) e dall’alto della mia irraggiungibile torre d’avorio sono altresì sempre stata convinta di costruire personaggi lontani da me, studiati, delineati a puntino ma che avessero una loro personalità, del tutto indipendente da me. Poi sull’argomento mi sono arrivate diverse decine di schiaffoni: tutti a dirmi che i miei personaggi femminili mi assomigliano, tutti a dire ‘Sei come Matilde di La gran dama! Sei come Alida di L’Arabesco’ e, per ultimo Maura de la Bottega mi ha proprio tirato una seggiolata sul groppone e mi ha detto, testuali parole, ‘parla come te, Olimpia sei tu’. Al di là del fatto che Olimpia è bellissima mentre io ho la cellulite e diversi anni in più, alla fine mi son convinta che hanno ragione loro: nei miei personaggi c’è un pezzo anche di me e in particolare in Olimpia ho trovo una marea di assonanze con il mio vissuto. Forse non è possibile estraniarsi da un personaggio nato dalla propria mente e quindi ammetto, adesso lo posso fare, che in Olimpia ci sono tante, tante delle mie esperienze di vita. Ogni personaggio trae ispirazione da persone che esistono davvero e che ho incrociato negli anni. Antonio Lacchini, Leopoldo, perfino Beatrice, la madre di Leopoldo, se cerco bene nella mente, esiste davvero!

Chi ti conosce sa che sei una grande appassionata di storia e di conseguenza è il genere letterario che prediligi. Come mai la scelta di dedicarti ad un romance contemporaneo?

Non c’è stato un perché. E’ venuto e basta. Chi scrive guarda ogni avvenimento della giornata con occhi ispirati, nel senso che ogni fatto può essere fonte di ispirazione per una storia, un dialogo o solo la scena di un libro. Stavo guardando una partita di Calcio Storico e vedendo piuttosto spesso un avvocato galante per questioni legali. L’addizione è stata talmente facile che l’ho scritto in un mese e mezzo, e poi l’ho lasciato nel cassetto per due anni e mezzo dicendo che non mi piaceva e che era un libro che non avrei mai voluto pubblicare. Sciocchina io!

Grazie al tuo romanzo ho scoperto l’esistenza del calcio storico che mi ha incuriosito moltissimo ed immagino come una manifestazione estremamente suggestiva. Il modo in cui ne parli fa intendere che ne sei appassionata. Da quanto lo segui?

E’ molto difficile stare a Firenze e non aver in qualche modo a che fare con il Calcio Storico. Mi sono avvicinata molto a quel mondo quando, per un periodo, mentre mi laureavo, ho collaborato con un’agenzia che forniva servizi antincendio e di sicurezza per i locali fiorentini. Erano tutti calcianti e ricordo che in quel periodo entravo gratis in tutte le discoteche e conoscevo tutti i buttafuori. Ero l’invidia delle mie amiche. Che tempi! Poi non sono mai uscita da un giro di amici che in qualche modo avessero connessioni con il calcio storico, fino a che non ho sposato mio marito che oltre a giocare a rugby frequenta moltissimi calcianti.  Ma seguire il Calcio Storico a Firenze è come tifare Fiorentina, è una condizione di vita, uno stato mentale, non solo una passione.

Scrivere di storia e scrivere d’amore un connubio inscindibile per te? O possiamo aspettarci storici con grandi battaglie e amori tutti rose e fiori?

Dunque, se ci pensiamo bene i più grandi capolavori della letteratura mondiale non sono analisi biomolecolari o saggi sulla metafisica dello spampinamento ma sono, di fatto, storie d’amore. Siccome anche se non ambisco a stare nella top ten degli autori del mondo mi piace scrivere storie belle e interessanti, io scrivo d’amore. E’, in effetti, l’argomento in assoluto più interessante. Siccome poi sono appassionata di storia calo i miei racconti nei contesti storici arricchendoli di scenari che ne rendono più interessante e suggestiva la trama. Io non sono una storica, magari!, sarei molto più preparata e non dovrei studiare così tanto per ogni libro: sono solo una romanziera. Un connubio inscindibile? Non lo so, per adesso ho molte idee e tutte declinate sullo storico. Scrivere un contemporaneo è stato bello e divertente ma la mia vocazione rimane lo storico, mi piace di più, mi viene più naturale anche nel linguaggio. Per scrivere Sabbia Bianca non sapevo mai se e quando mettere parolacce. In uno storico è molto più semplice. A Marzo pubblicherò La fiamma del ghiaccio, ambientato durante la terza guerra d’Indipendenza italiana, Firenze capitale, per capirci. Inoltre sto lavorando su un libro ambientato in Italia durante la Grande Guerra. Sono sempre storie d’amore, sì. Non sono rose e fiori, no. No perché non sarebbe interessante: che gusto c’è a leggere una storia dove va tutto bene? Però hanno tutte un lieto fine, eh sì questo sì. Odio i finali tragici e soprattutto io rispetto le regole del romance che, sembrano banali ma hanno maglie strettissime e io sguazzo a starci dentro.

 

 

GIVEAWAY

Per provare a vincerne una copia cartacea vi basterà seguire queste semplici regole:

  • Mettere mi piace alla pagina Facebook del blog  (qui: La bottega dei libri)
  • Condividere il post su Facebook e taggare una o più persone (Ricordate: la condivisione dev’essere con privacy PUBBLICA!)
  • Commentare questo post del blog con “partecipo” + il link della condivisione Facebook.
Nei precedenti contest è capitato che da sistema e dopo controlli non ci risultavano “mi piace” di facebook. Per questo per evitare che siate esclusi consigliamo di mandare gli screenshot via messaggio privato alla nostra pagina facebook o in risposta al post facebook che pubblicizza il giveaway.

N.B. TUTTI I PARTECIPANTI DOVRANNO SEGUIRE LE REGOLE ALTRIMENTI NON VERRANNO PRESI IN CONSIDERAZIONE.

A fine giveaway ci prenderemo un paio di giorni per controllare che tutti i partecipanti abbiano rispettato le regole, vi chiediamo correttezza e un po’ di pazienza.

L’estrazione sarà random, fatta attraverso il sito random name picker.

Il vincitore verrà proclamato in pagina e sul blog e avrà 48h per reclamare il premio altrimenti si procederà con una nuova estrazione.

Nel caso in cui il secondo estratto non si faccia sentire, provvederemo a fare un flash giveaway in pagina.

IL GIVEAWAY TERMINA IL 16 dicembre 2018 alle ore 23:59!

BUONA FORTUNA A TUTTI!!!

Per qualsiasi dubbio, domanda o richiesta, contattateci sulla nostra pagina Facebook o per email a: redazione@labottegadeilibri.it

Recensore brioso e fuori dagli schemi. Scrittrice di romance storici e contemporanei, collezionista di pezzi vintage e di antiquariato, appassionata di burlesque è la voce fiorentina de ‘La bottega dei libri’. Preferisce leggere storici ma non disdegna libri di altro genere purché siano belli e scritti bene… chiamala bischera!

7 commenti

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: