Libri,  Romanzo

Giveaway. Babbo Bottega: Due domande a Gianni Mazza e il suo amore per Londra

Da dove nasce la “passione” per i serial killer

In realtà la mia non è esattamente una passione, diciamo che ci sono storie che posso raccontare in un certo modo e strumenti narrativi che posso usare. Per raccontare il male assoluto, un singolo omicidio può non bastare, perché quell’omicidio può avere un movente che ha spinto un uomo o una donna a compiere un gesto fuori controllo, mentre un serial killer ha un piano razionale, una ricerca della perfezione nella malvagità e credo che non avrei potuto raccontare la storia della “Bestia di Brixton” e la dicotomia del protagonista in altro modo.

Quale delle personalità della “bestia” ti ha più impegnato per la caratterizzazione???

Nel lavoro preparatorio al romanzo, durato quasi 9 mesi, ho caratterizzato molte più personalità di quelle che trovano spazio nel romanzo, o che sono semplicemente accennate, ma tra quelle principali, di certo quella che mi ha fatto faticare maggiormente è stata quella di Karl, perché il mio intento era quello di creare un cattivo con cui la gente potesse empatizzare non un cattivo da odiare e basta e poi mi piace addentrarmi nei meandri della mente umana, descrivere i pensieri come fossero luoghi e far vivere i miei personaggi come se fossero persone.

Parafrasando Pirandello, ognuno di noi incontra quotidianamente molte maschere e pochi volti, hai mai incrociato qualcuna delle personalità della “bestia” in qualcuno che conosci o….magari in te stesso???? E, se sì, quale???

Mi capita spesso di attingere alla mia vita per disegnare i miei personaggi, Mark è un attore come me, ma anche Karl ha qualcosa del suo autore, ovvero l’amore per l’arte, anche se nel suo caso è un’amore distorto e che vira al bluastro dell’asfissia, come direbbe lui stesso. Altri personaggi sono disegnati ricalcando figure che hanno fatto parte o fanno ancora parte della mia vita, per esempio  Valery è stata modellata sulla figura di uno dei miei primi amori, il registra Christopher è il mio registra Germano, Lydia è Carla, mia collega attrice e potrei continuare all’infinito.

Sia “La bestia di Brixton” che “Luda” sono ambientati a Londra, come sei stato conquistato dal fascino “gotico” delle strade londinesi?

Sono innamorato visceralmente di Londra e della cultura britannica fin da piccolino e da una decina d’anni provo ad andare da quelle parti tutte le volte che posso. Ho la fortuna di avere una cara amica che abita lì vicino (Cristina, sì proprio l’ “hermanita” di Luda) e così quando sono lì, cammino per le strade con il naso all’insù per respirare la magia della città. L’ispirazione per entrambi i romanzi è nata proprio durante i miei soggiorni a Londra. Per esempio il tragitto che Luda fa in metro ogni giorno per andare al British Museum è lo stesso percorso che ho fatto decine e decine di volte, mentre il pub dove inizia il romanzo della bestia (The beast of Brixton che ha dato il titolo al romanzo) è un posto in cui sono capitato per caso in un pomeriggio d’inverno, ricordo distintamente il momento in cui sono entrato lì dentro e ho pensato che in quel posto c’avrei fatto succedere qualcosa prima o poi, affascinato dall’ambiente dark o gotico come lo definisci tu. E poi Londra è la patria di Jack the Ripper e camminare per Whitechapel ha un gusto davvero particolare.

Spesso la realtà supera la fantasia, come riesce uno scrittore a non creare storie banali con tutto quello si legge nelle pagine di cronaca???

Me lo chiedi perché non sei entrato nella mia di mente! Credo dipenda dal modo in cui sono cresciuto, i miei eroi non erano Peppa Pig o Spongebob come accade ai bambini di oggi, i miei eroi erano  Achille, Ulisse, Enea… mia madre non mi raccontava Cappuccetto Rosso, mi leggeva l’Iliade e l’Odissea. A 10 anni leggevo Agatha Christie e Poirot e Miss Marple erano praticamente i miei migliori amici e da allora non ho mai smesso di leggere e di immaginare. Credo che la mia fervida immaginazione sia colpa (o merito) di quel periodo e così mi ritrovo a sognare le mie storie e a non poter far altro che scriverle, da lì nascono poesie, racconti e romanzi… dopo la Bestia di Brixton ho scritto un altro romanzo che è in fase di editing e altri 2 sono in fase di progettazione. È meraviglioso poter vivere in così tanti mondi diversi.

GIVEAWAY

Per provare a vincerne una copia cartacea de “La bestia di Brixton” vi basterà seguire queste semplici regole:

  • Mettere mi piace alla pagina Facebook del blog  (qui: La bottega dei libri)
  • Mettere mi piace alla pagina Facebook dell’autore (qui: Gianni Mazza)
  • Condividere il post su Facebook e taggare una o più persone (Ricordate: la condivisione dev’essere con privacy PUBBLICA!)
  • Commentare questo post del blog con “partecipo” + il link della condivisione Facebook.
Nei precedenti contest è capitato che da sistema e dopo controlli non ci risultavano “mi piace” di facebook. Per questo per evitare che siate esclusi consigliamo di mandare gli screenshot via messaggio privato alla nostra pagina facebook o in risposta al post facebook che pubblicizza il giveaway.

N.B. TUTTI I PARTECIPANTI DOVRANNO SEGUIRE LE REGOLE ALTRIMENTI NON VERRANNO PRESI IN CONSIDERAZIONE.

A fine giveaway ci prenderemo un paio di giorni per controllare che tutti i partecipanti abbiano rispettato le regole, vi chiediamo correttezza e un po’ di pazienza.

L’estrazione sarà random, fatta attraverso il sito random name picker.

Il vincitore verrà proclamato in pagina e sul blog e avrà 48h per reclamare il premio altrimenti si procederà con una nuova estrazione.

Nel caso in cui il secondo estratto non si faccia sentire, provvederemo a fare un flash giveaway in pagina.

IL GIVEAWAY TERMINA IL  dicembre 2018 alle ore 23:59!

BUONA FORTUNA A TUTTI!!!

Per qualsiasi dubbio, domanda o richiesta, contattateci sulla nostra pagina Facebook o per email a: redazione@labottegadeilibri.it

Gianni Mazza è nato nel 1981 a Ragusa, dove vive e lavora attualmente. Nonostante la sua formazione prettamente scientifico/informatica, si è dedicato alla scrittura e alla recitazione teatrale. Autore di poesie, racconti e sceneggiature, ha pubblicato il suo primo romanzo, Luda, nell’estate del 2015. La bestia di Brixton è il suo secondo romanzo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: