FIori affamati di vita Book Cover FIori affamati di vita
Veronica Yoko Plebani
Narrativa contemporanea
Mondadori
6 ottobre 2020
cartaceo, ebook
216

Yoko e Lu sono amiche da sempre anche se sono l’una l’opposto dell’altra

 

 

“Il mio collo lungo, la sagoma del viso.

Da sotto il naso a sinistra si allarga una cicatrice fresca che spunta sulla guancia e torna a nascondersi, poi cola giù dalle spalle e dalle cosce fino alle estremità fasciate.

Conosco già il paesaggio irregolare della mia pelle. Solo adesso che me lo vedo addosso mi rendo conto che è mio, sono io.

Trattengo il respiro, fisso lo sguardo e immagino il mio corpo fuori da qui, nei miei posti, nelle cose che faccio, negli occhi di chi mi vede e nel mondo.

Capiranno che sono ancora io?”

 

Una sera, senza preavviso, la vita e il corpo di Yoko sono segnati per sempre. E anche se non c’è niente di diverso, è come se tutto fosse cambiato. Ma Yoko non è sola. Ci sono sua mamma e le sue filosofie orientali, l’entusiasmo di papà Max e la saggezza di suo nonno, ma soprattutto c’è Lu.

Yoko e Lu sono amiche da sempre anche se sono l’una l’opposto dell’altra. Yoko è testarda, iperattiva ed estroversa, mentre Lu è riflessiva, taciturna e insicura. Sono due adolescenti come tante in una città di provincia come tante. Il loro corpo, dentro e fuori, si sta trasformando: si segna, evolve, cresce come la voglia di fare nuove esperienze, di scoprire il mondo, di vivere.

In fondo Yoko il cambiamento ce l’ha perfino nel nome, nel destino. “Figlia del sole”, “figlia dell’oceano”, “figlia delle foglie”, e molto altro visto che, come dice Lu, i nomi giapponesi, a seconda di come vengono scritti, assumono significati differenti. Un po’ come la vita che, anche se viene sconvolta, può sempre nascondere un senso inaspettato. Un po’ come il corpo di Yoko e le sue cicatrici che a guardarle bene sembrano ricami.

Fiori affamati di vita è un romanzo pieno di luce, dolce e ironico, che racconta l’amicizia, l’amore e l’accettazione di sé. Nonostante il corpo. Nonostante il sesso. Diverso, bello, brutto, forte, debole, giusto, sbagliato, dritto, storto, normale, del resto, sono solo categorie con cui si cerca di uniformare ciò che invece è naturale varietà, e la varietà è bellezza.

 

L’autrice

Veronica Yoko Plebani è una paratleta olimpica italiana. Pratica snowboard, canottaggio e triathlon, e ha partecipato alle Paralimpiadi di Sochi 2014 e di Rio 2016: oggi si allena per Tokyo 2020. A quindici anni è stata colpita da una meningite fulminante: da quel giorno la sua vita non è stata più la stessa. Sul suo account Instagram Yoko ogni giorno racconta, oltre che i suoi successi sportivi, anche la sua vita occupandosi di diversità, uguaglianza e inclusività. Questo è il suo primo romanzo.

Scritto da:

Alice

Leggere mi stimola e mi riempie. L'ho sempre fatto, fin da piccola. Prediligo i classici, i romanzi storici, quelli ambientati in altre epoche e culture. Spero di riuscire a condividere con voi almeno parte dell'impatto che ha su di me tutto questo magico universo.