Altamont 1959. I Rolling Stones e il concerto della morte Book Cover Altamont 1959. I Rolling Stones e il concerto della morte
Mariopaolo Fadda
Cinema e Spettacolo
Odoya
14 maggio 2020
cartaceo, e-book
240

Un concerto consegnato alla storia come il momento più buio della storia del Rock ‘n’ Roll.

Il libro ricostruisce le vicende del famoso concerto dei Rolling Stones tenuto ad Altamont, California, il 6 dicembre del 1969; un concerto consegnato alla storia come il momento più buio della storia del Rock ‘n’ Roll. Sono presi in esame tutti gli aspetti della vicenda, dalla programmazione del concerto alla difficoltosa ricerca della sede, dall'”organizzazione” allo svolgimento e al pandemonio che ne seguì, culminato con l’uccisione del giovane Meredith Hunter da parte degli Hell’s Angels, ingaggiati dagli Stones come responsabili alla “sicurezza” dell’evento. Al concerto presero parte diversi gruppi. I Santana interruppero l’esibizione come protesta per le continue violenze degli Hell’s Angels sul pubblico e Marty Balin dei Jefferson Airplane venne assalito sul palco per aver contestato apertamente i loro metodi violenti. Altri disordini si scatenarono quando fu il turno di Crosby, Stills, Nash&Young, costringendoli a interrompersi. Quando, poi, i Grateful Dead rifiutarono di esibirsi per protesta, fu la volta degli attesissimi Rolling Stones. Una riflessione sulla controcultura del tempo fornisce il contesto socio-musicale che fa da sfondo all’avvenimento, con un occhio di riguardo ai figli dei fiori (e della droga) di San Francisco. L’autore racconta inoltre gli sviluppi del Rock ‘n’ Roll di quegli anni, descrivendone le origini alla fine degli anni Quaranta, il rockabilly anni Cinquanta e giungere infine all’hard rock anni Sessanta. Agli Hell’s Angels è dedicato un capitolo a parte dove sono descritti i miti e i riti, le loro origini storiche e le pagine nere della loro esistenza; una particolare attenzione è dedicata all’analisi del documentario del concerto, Gimme Shelter (1970) dei fratelli Maysles.