Anteprima,  Narrativa

ANTEPRIMA: in uscita il 12 marzo, “Tempo variabile” di Jenny Offill, NN Editore

Tempo variabile Book Cover Tempo variabile
Jenny Offill
narrativa
NN Editore
12 marzo 2020
cartaceo

 

“Quella notte sognò di essere in un supermercato. Musica orrenda, illuminazione spietata.
Cammino su e giù per i corridoi cercando di abbassare le luci ma non riesco a trovare l’interruttore.
Mi sveglio delusa. Dove sono finiti i sogni in cui si vola?”

Lizzie fa la bibliotecaria. Le persone si confidano con lei, affidandole piccole parti di loro stesse. Generosa e un po’ sperduta, con suo marito Ben condivide attimi fatti di complicità e spazi vuoti; si occupa con amorevole e caotica energia di suo figlio, di un fratello con un problema di dipendenza, di una madre dall’ingombrante religiosità.

Un giorno la sua amica Sylvia, esperta di cambiamento climatico, le chiede di rispondere alle mail degli ascoltatori del suo podcast Cascasse il mondo. E Lizzie riceve messaggi allarmati sulla fine dell’umanità, su come sopravvivere a una catastrofe, sul controllo globale, che amplificano le sue preoccupazioni fino a mettere in dubbio ogni certezza, compreso l’amore per Ben. Eppure Lizzie resiste, opponendosi alla deriva dei sentimenti, alla paura per il futuro, con un umorismo asciutto e irresistibile solo a tratti venato di sconforto.

Dopo Sembrava una felicità e Le cose che restano, Jenny Offill torna con un romanzo sull’America di oggi, in balìa degli stravolgimenti climatici e dell’arroganza della politica. In frammenti brevi e illuminanti, Tempo variabile è un distillato di emozioni che ci avvolge come un’onda tiepida, in cui ci tuffiamo con la gioia e la paura che cresca fino a sommergerci.

Questo libro è per chi vuol sapere se anche gli angeli hanno bisogno di dormire, per chi fischietta Can I kick it? per distrarsi, per chi ha paura che i giorni possano accelerare sempre di più, e per chi sceglie di affrontare il buio e il silenzio della notte aggrappandosi a un pensiero felice prima di andare a letto.

Jenny Offill è autrice di romanzi e di libri per bambini, e insegna Scrittura creativa. Il suo romanzo d’esordio, Le cose che restano (NNE 2016), è stato scelto come Notable Book dell’anno dal New York Times, mentre Sembrava una felicità (NNE 2015) è stato selezionato come miglior libro dell’anno da New York Times Book Review, New Yorker Guardian, ed è stato finalista al Folio Award, al LA Times Award, al Pen/Faulkner e al Dublin Literary Prize. Nel 2016 ha ottenuto la Guggenheim Fellowship. Uscito negli Usa a gennaio 2020, Tempo variabile è in corso di traduzione in oltre dieci paesi.

Leggere mi stimola e mi riempie. L'ho sempre fatto, fin da piccola. Prediligo i classici, i romanzi storici, quelli ambientati in altre epoche e culture. Spero di riuscire a condividere con voi almeno parte dell'impatto che ha su di me tutto questo magico universo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: