Anteprima,  Libri

Anteprima: In uscita il 12 aprile La psicologia biodinamica di François Lewin e Miriam Gablier, Edizioni Mediterranee.

La psicologia biodinamica Book Cover La psicologia biodinamica
François Lewin e Miriam Gablier
psicologia
Edizioni Mediterranee.
12 Aprile 2019
cartaceo
200

“Nel libro La Psicologia Biodinamica gli autori Lewin e Gablier spiegano una terapia particolarmente attenta alla vita interiore degli individui.”

 

La psicologia biodinamica di François Lewin e Miriam Gablier

 

la psicologia biodinamica è una terapia psicocorporea, insieme delicata e potente, che dà la parola al corpo e cerca di liberare il nostro slancio vitale.

Infatti, fin dal concepimento il nostro organismo registra ogni esperienza vissuta. Esso conserva nel più profondo dei suoi tessuti le tracce delle prove non assimilate che ostacolano il suo sviluppo naturale. Disgregando questi segni del passato, la psicologia biodinamica calma il corpo e rigenera il nostro essere più profondo.

Neofiti e terapisti troveranno in quest’opera, corredata da numerosi esempi, una diversa prospettiva sulle difficoltà emozionali, sugli autosabotaggi o sui comportamenti irrazionali. Il corpo nasconde soluzioni originali e inattese per gestire i nostri malesseri, che spesso sono appelli dell’anima al cambiamento.

Con la sua attenzione alla vita interiore, sensibile, la psicologia biodinamica permettersi di riconnettersi con la gioia e la viva potenza nascoste in fondo a ciascuno di noi.

 

 

François Lewin dirige la Scuola di psicologia biodinamica francese, di cui è stato co-fondatore nel 1987. Terapista, formatore e conferenziere internazionale, insegna in Europa, Sudamerica e Giappone. È membro fondatore dell’EABP (Associazione europea delle terapie psicocorporee) e membro del CSI (Comitato scientifico internazionale di psicoterapia corporea).

 

 

 

Formatasi con l’omeopatia e la psicologia biodinamica, Miriam Gablier, ex presidente dell’Associazione professionale di psicologia biodinamica, con il suo lavoro di scrittrice, giornalista e oratrice continua le sue ricerche su questo fondamentale legame tra psiche e soma.

 

Non amo darmi titoli ma ne ho conseguito uno: dottoressa. Il che implica che io abbia una laurea; una soltanto, anche se i miei interessi spaziano in un territorio vastissimo che definirei " Al di là del deserto", (citando il titolo di un libro di uno dei più grandi filosofi contemporanei, a mio avviso... s'intende!!). Potrei dirvi che SONO una dottoressa, ma non lo farò, perché ESSERE qualcosa o qualcuno significa chiudersi in uno spazio troppo piccolo e privo di possibilità. Somiglio ad una cellula staminale, sono totipotente e VIVA! "So essere anche": Una leader eccellente, Moglie mai (se non per burocrazia), compagna di vita di Marco sempre, mamma, Amica, dottoressa, lettrice, studiosa, scienziata, ricercatrice, comica, autrice, artista, pessima bugiarda, Apple addicted, pasticciera, antropologa, curiosa, innovativa, testarda ....  E questa descrizione ovviamente non mi soddisfa ma: La modificherò secondo le necessità.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: