Diventare più grandi di Dio Book Cover Diventare più grandi di Dio
Richard Dawkins
Religione
Mondadori
8 ottobre 2019
Cartaceo
256

In questo nuovo manifesto dell’ateismo, Richard Dawkins rilancia le tesi che avevano fatto dell’Illusione di Dio uno dei testi più influenti e discussi d’inizio millennio.

Abbiamo ancora bisogno di credere in Dio? È necessaria la sua presenza per spiegare l’universo? In questo nuovo manifesto dell’ateismo, Richard Dawkins rilancia le tesi che avevano fatto dell’Illusione di Dio uno dei testi più influenti e discussi d’inizio millennio.

In un’epoca ancora pervasa da suggestioni religiose di ogni tipo, l’autore, con il consueto stile arguto e provocatorio, ci consegna una guida per liberarci da antichi e odierni abbagli. E ci convince che nel XXI secolo spetta alla scienza il compito di rispondere agli interrogativi sul senso dell’esistenza, sulle leggi che governano il mondo e le azioni umane, e che la pretesa delle religioni di giustificare la realtà attraverso un Dio creatore non è razionalmente sostenibile. Le scritture, specie la Bibbia, non rappresentano un valido motivo per credere, perché i miti che le sorreggono non sono documentati e dunque non hanno carattere storico. Le prove sono l’unico presupposto di qualunque tesi, se mancano la tesi perde di validità.

Smascherate queste contraddizioni, il focus si sposta sui presunti fondamenti scritturali della morale. Versetti biblici alla mano, l’ateo più famoso del mondo dimostra come Dio sia protagonista di storie raccapriccianti e poco edificanti, e non possa essere quindi fonte di norme universali. Questo, in aggiunta al fatto che l’etica si è modificata nei secoli, mostra come l’umanità progredita non dovrebbe ricavare il proprio senso del bene e del male dalla Bibbia.

Ma la sfida più stimolante, per Dawkins, è sconfessare e abbattere, sulla scia delle teorie di Darwin, il presupposto ingannevole dell’esistenza di un supremo architetto della natura, che da solo ne spiegherebbe i prodigi. L’evoluzione per selezione naturale chiarisce tutti gli enigmi, dalle soluzioni improbabili adottate dagli organismi viventi per sopravvivere, alle mutazioni genetiche, ai colori degli animali. La conoscenza scientifica è in grado di decifrare la strabiliante simmetria dei fiocchi di neve, lo sviluppo dell’embrione e la trasmissione del DNA.

È evidente che sappiamo dove e come cercare le risposte, Dio non ci serve. Siamo troppo grandi per seguire ancora i «consigli cattivi o inutili» delle generazioni precedenti. Pensare con la propria testa diventa la scelta più coraggiosa, urgente e semplice da adottare. Soltanto allora comprenderemo nel modo più sano e profondo i misteri della vita e la meraviglia che ci circonda.

Nairobi 1941. Richard Dawkins è biologo evoluzionista, membro della Royal Society e professore a Oxford. Ha rivoluzionato il mondo della divulgazione scientifica nel 1976 con Il gene egoista, seguito da numerosi altri titoli di successo, molti dei quali tradotti anche in Italia, come L’illusione di Dio e La realtà è magica.

Scritto da:

Maria Rita

Sono principalmente moglie e mamma di due splendide ragazze ed ho la passione per la musica ma soprattutto per la lettura. Leggo di tutto romanzi, saggi, storici, ma non leggo libri nè di fantascienza né di horror.